Rischi psicosociali e stress sul lavoro, cosa dice la normativa

Data:

Guerre, cambiamenti climatici ed emergenze sanitarie, hanno portato inevitabilmente a rivedere gli assetti sociali ed organizzativi nel mondo del lavoro. Molteplici sono gli interventi di supporto da attuare, non solo per i singoli lavoratori, ma anche per l’insieme delle maestranze in merito alla gestione dello stress sul posto di lavoro.

L’Organizzazione mondiale della Sanità, ha a cuore queste tematiche, ovvero la prevenzione delle condizioni di salute mentale e la gestione dei rischi psicosociali annessi, per questo, raccomandano ai datori, interventi specifici, atti a migliorare le condizioni, sia lavorative che ambientali.

Lo ricorda a chiare lettere un documento redatto dal gruppo di lavoro sullo stress lavoro correlato (Slc) attivato nel 2014 dalla Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione e coordinato da Antonia Ballottin, il cui titolo “Primo documento di consenso. Dallo stress lavoro correlato alla prevenzione dei rischi psicosociali”, con specifico riferimento alla tematica delle violenze e delle molestie sul lavoro.

In merito alla problematica, gestione dello stress lavoro correlato e prevenzione dei rischi psicosociali, l’articolo 28 del D.Lgs. 81/08, ricorda che è in vigore per tutte le aziende italiane l’obbligo di valutare il rischio da stress correlato al lavoro, secondo le indicazioni metodologiche della Commissione consultiva permanente.

Tale monitoraggio ha sottolineato e confermato “l’efficacia della metodologia introdotta dalla Commissione Consultiva e promosso l’utilizzo della valutazione approfondita come strategia di coinvolgimento dei lavoratori nell’identificazione delle condizioni di stress e strumento di verifica della valutazione preliminare”.

Perplessità sussistono invece, sull’efficacia del metodo di valutazione in Italia (rischio stress lavoro), in merito alla limitata o mancata cultura del benessere, adozione dell’Accodo Quadro SLC come strategia di miglioramento dell’efficienza delle aziende, valorizzazione delle competenze, conoscenze interne all’impresa e frequente affidamento ad esterni della Vdr, attivazione di strumenti di ascolto e partecipazione informata e formata di lavoratori e Rls, coinvolgimento dei medici competenti, corretta identificazione ed analisi per gruppi omogenei, aspecificità, mancato coinvolgimento degli Rls, attenzione ai problemi man mano rilevati e scarsa attitudine alle soluzioni e attenzione agli aspetti di progettazione, organizzazione, gestione del lavoro e predilezione per interventi di prevenzione rivolti al singolo ed al sostegno delle sue capacità di far fronte allo stress.

I fattori di rischio psicosociale, comprendono tutte le condizioni, ponendo le attenzioni sugli aspetti organizzativi, progettuali e gestionali del lavoro.

Redazione
Redazione
L'Informazione a portata di click!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Condividi su:

Subscribe

spot_img

Popolari

Ti potrebbe piacere anche
Correlati

Domani in Sala Zuccari del Senato conferenza “L’innovazione del calcio dilettantistico”

Si terrà domani, giovedì 18 aprile, nella Sala Zuccari...

Esordio letterario per Matteo Paolillo con il romanzo distopico “2045”

Cosa succederebbe se la tecnologia prendesse il sopravvento sulle...

Napoli e Provincia: truffe agli anziani, continua la campagna di sensibilizzazione dei carabinieri per contrastare il fenomeno

Continua la campagna di sensibilizzazione dei carabinieri del Comando...

Napoli, paura nella notte: in fiamme un’auto

Questa notte i carabinieri della Pmz Centro e del...