Cesa, affondo del sindaco Enzo Guida al Pd: “Partito assente ed inesistente”

Data:

“Partito assente ed inesistente – dice Guida – è normale che gli amministratori locali cerchino il dialogo con chi si pone come interlocutore per la risoluzione dei problemi”.
“Il Pd di Caserta vada a parlare con gli amministratori, con i circoli, con i giovani per capire di cosa c’è bisogno”.
“Non abbiamo bisogno di tessere o congressi, ma di persone che vogliono ricostruire una comunità che si sta dissolvendo”.

Duro affondo di Enzo Guida, sindaco di Cesa(CE) e Consigliere Provinciale del Partito Democratico

Nei giorni scorsi alcune testate giornalistiche hanno indicato Guida, per il duplice incarico che ricopre, quale soggetto pronto a lasciare il partito per essersi avvicinato alla compagine dei Moderati e a quella che è definita l’area del presidente De Luca.
Preciso che sono, ad oggi, un iscritto “virtuale” – commenta la fascia tricolore – del Partito Democratico.
“Virtuale” perché il tesseramento, come è noto, è congelato sia perché il Pd è una forza non indentificata né facilmente identificabile, soprattutto in provincia di Caserta.
Sono Sindaco del 2015 ed ho cercato sempre, con la Regione Campania, un dialogo istituzionale allo scopo di risolvere i problemi della mia comunità.
Nel momento in cui, da qualche anno a questa parte, a Caserta, il Pd è commissariato ed in altre faccende impegnato, è normale che si crei un vuoto e tale spazio politico è occupato da altri esponenti politici che si pongono come interlocutori.

È normale che gli amministratori locali cerchino aiuto, nel tentativo di risolvere le questioni territoriali, e laddove vi sono esponenti di altri partiti e forze in grado di orientare e guidare i comuni, questi assurgono al ruolo di affidabili controparti
Un ruolo in tal senso è innegabile che è svolto del consigliere regionale Giovanni Zannini dei Moderati.
Avere rapporti istituzionali o chiedere “aiuto” per il proprio Comune, non si traduce, in maniera automatica, in una adesione al suo movimento o in un “arruolamento”.
Ma è evidente che la collaborazione, in ragione di comuni intenti, obbiettivi chiari e precisi, possono contribuisce a creare condizioni politiche nuove.
Il Partito Democratico a Caserta si dovrebbe porre come “faro” per le amministrazioni locali.
Non abbiamo bisogno di tessere o congressi, ma di persone che vogliono ricostruire una comunità che si sta dissolvendo.
Il Pd di Caserta vada a parlare con gli amministratori comunali, con i circoli, con i giovani per capire di cosa c’è bisogno.

Redazione
Redazione
L'Informazione a portata di click!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Condividi su:

Subscribe

spot_img

Popolari

Ti potrebbe piacere anche
Correlati

Luglio allo Sharing Art Pompei con Entropia Beer Fest e Nziem Festival

Il mese di luglio alla Residenza Artistica Sharing Art (Via Civita...

White Fest, a Cancello Arnone la 46esima edizione della Festa della Mozzarella

Un’esplosione di gusto e tradizione: la Festa della Mozzarella si...

Agricoltura: bandi Csr, prospettive e criticità, Regione e Aic al lavoro per tutelare il comparto agricolo campano

Salerno. Superamento delle criticità e prospettive sui fondi Psr/Csr...

Venezia, appalti e corruzione: arrestato assessore Boraso, indagato anche il sindaco Brugnaro

Anche la fascia tricolore Luigi Brugnaro è finito nello...