“AI Safety Summit”: accordo tra i big del mondo per un’intelligenza artificiale più sicura, Meloni: “Grande opportunità ma anche enormi rischi”

Data:

Si è concluso a Bletchley Park, località alle porte di Londra, l’ ”AI Safety Summit” un vertice globale di due giorni per uno sviluppo sicuro dell’intelligenza artificiale fortemente voluto dal premier britannico Rishi Sunak.

Sono 28 i paesi, tra cui Italia, Francia, Germania, Stati Uniti e Cina che hanno sottoscritto la prima dichiarazione internazionale al mondo sulla cosiddetta intelligenza artificiale di frontiera (un termine per indicare l’AI che potrebbe superare le capacità dei sistemi più avanzati di oggi).

Oltre ai leader politici e la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen e il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, al summit hanno presenziato anche studiosi e protagonisti del mondo della tecnologia come Elon Musk proprietario di X.

Presente al summit anche la premier Giorgia Meloni che ha dichiarato: “È indubitabile che le applicazioni dell’intelligenza artificiale possono portare grande opportunità in molti campi ma anche enormi rischi. Meccanismi decisionali opachi, discriminazioni, intrusioni nella nostra vita privata, fino ad arrivare ad atti criminali, perché gli LLM-Large Language Model potrebbero essere utilizzati per produrre armi, danni biologici a bassa tecnologia, attacchi informatici, facilitare la personalizzazione del phishing. Serve quindiha continuato la premierun quadro normativo adeguato se vogliamo sfruttare le opportunità che l’intelligenza artificiale può offrirci”.

Regno Unito, Stati Uniti, Ue, Australia e Cina hanno tutti concordato che l’intelligenza artificiale rappresenta un “rischio potenzialmente catastrofico”. Al termine del vertice Rishi Sunak ha definito la Dichiarazione un “accordo storico a favore dell’umanità”, “un risultato fondamentale che vede le più grandi potenze mondiali nel campo dell’intelligenza artificiale concordare sull’urgenza di comprendere i rischi dell’intelligenza artificiale, contribuendo a garantire il futuro a lungo termine dei nostri figli e nipoti”.

Chiara Imbimbo
Chiara Imbimbo
Laureata in Filologia Moderna alle Federico II di Napoli con una tesi in critica letteraria. Iscritta all’albo dei giornalisti come pubblicista coltiva la passione per il cinema, la lettura e la scrittura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Condividi su:

Subscribe

spot_img

Popolari

Ti potrebbe piacere anche
Correlati

Violenza su minori, bimbo di 5 anni percosso e frustato con cavi di bicicletta elettrica

Se non fosse stato per la scuola non sarebbe...

Museo City, 109 occasioni per dedicarsi all’Arte a Milano

Ottava edizione dedicata all’arte. Milano riprende l’appuntamento annuale con...

Sì al restauro di Villa Borghese, ma con investimenti privati

C’era una volta il mecenatismo a Roma e sta...

Rapporto Antigone, cresce il numero di presenze negli Ipm: gli effetti del Decreto Caivano

È il settimo rapporto di Antigone, dedicato alla giustizia...