Giulia Cecchettin, l’ultimo atto prima di restituire il corpo alla famiglia

Data:

Mattinata impegnativa per il caso Cecchettin-Turetta. Oggi ci sarà l’autopsia sul corpo di Giulia all’istituto di medicina legale dell’università di Padova, mentre Filippo Turetta sarà interrogato nel carcere di Verona.

Nelle stesse ore si capirà cosa è stato fatto alla studentessa di 22 anni, su due fronti. L’esame autoptico sarà eseguito dal perito medico legale incaricato dalla Procura di Venezia, Guido Viel. Poi Giulia potrà essere restituita alla famiglia per i funerali e l’ultimo saluto a Vigonovo.

Il sindaco della città, Luca Martello, ha invitato tutti a “non mancare alle esequie perché questa testimonianza collettiva deve aiutarci a diventare tutti migliori”.

Turetta invece dovrà rispondere al pubblico ministero Andrea Petroni, che lo indaga per omicidio aggravato, sequestro di persona e occultamento di cadavere. Potrà sempre avvalersi della facoltà di non rispondere o di fornire parziali dichiarazioni. Il suo intento sarà comunque quello di evitare la pena del carcere a vita.

“Sono affranto per la tragedia che ho causato. Non voglio sottrarmi alle mie responsabilità. Voglio pagare quello che sarà giusto per aver ucciso la mia ex fidanzata”, aveva dichiarato l’assassino che a Giulia ha inferto 26 coltellate a capo, collo, braccia e gambe.

Gli accertamenti dell’autopsia permetteranno di capire a che ora è morta Giulia, che ha subito una doppia aggressione, e se a ucciderla sia stato lo “shock emorragico” dovuto a una contusione alla testa per una violenta spinta a terra.

Sotto indagine anche l’eventuale aggravante di Filippo. Si capirà se ha infierito su Giulia con crudeltà con “la volontà dell’agente è di infliggere alla vittima sofferenze gratuite, inutili, ulteriori e non collegabili al normale processo di causazione dell’evento morte”.

Pina Stendardo
Pina Stendardo
Giornalista attenta ai fermenti quotidiani, raccontati con umanità. Convinta che scrivere sia un atto d’amore e responsabilità, ama divulgare il bello dell’Arte e del sociale, proponendo una narrazione alternativa sullo spaccato culturale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Condividi su:

Subscribe

spot_img

Popolari

Ti potrebbe piacere anche
Correlati

Violenza su minori, bimbo di 5 anni percosso e frustato con cavi di bicicletta elettrica

Se non fosse stato per la scuola non sarebbe...

Museo City, 109 occasioni per dedicarsi all’Arte a Milano

Ottava edizione dedicata all’arte. Milano riprende l’appuntamento annuale con...

Sì al restauro di Villa Borghese, ma con investimenti privati

C’era una volta il mecenatismo a Roma e sta...

Rapporto Antigone, cresce il numero di presenze negli Ipm: gli effetti del Decreto Caivano

È il settimo rapporto di Antigone, dedicato alla giustizia...