Cpr Corelli di Milano, decine di casi di autotortura in segno di protesta

Data:

Vogliono uscire e rivendicano ascolto da parte dello Stato. Ritengono che il governo italiano li tenga sotto tortura e per questo in segno di protesta ingoiano lamette, cocci di bottiglia o si spaccano le ossa al muro. Gli episodi di autolesionismo del Cpr di via Corelli a Milano vengono perpetrati dai migranti al suo interno rinchiusi. Negli ultimi 10 giorni sono stati registrati 40 casi di autotortura.

Sperano così di arrivare al pronto soccorso per vedersi non riconosciuta l’idoneità alla vita nel Cpr. Il prezzo per la libertà è alto e questa forma di comunicazione e rivendicazione di un sistema detentivo agli estremi della dignità umana, ne è espressione.

Il corpo diventa dunque strumento di rischio a breve termine per la salute degli immigrati del Cpr. I detenuti potrebbero morire in ogni momento, ma i traumi auto inflitti, pur potendo avere conseguenze a lungo termine, sono l’unica deviazione che gli immigrati possono consentirsi per ricevere ascolto.

Chiedono una riabilitazione alla vita e non sanno se quest’ultima avverrà. Le condizioni psicologiche che accompagnano tali gesti sono ugualmente estreme e neppure un commissariamento giudiziario è riuscito a mutarle. La detenzione amministrativa del Cpr rivela la sua natura fortemente psicogena, ragion per cui attraverso questi gesti gli immigrati ne rivendicano la chiusura.

Pina Stendardo
Pina Stendardo
Giornalista attenta ai fermenti quotidiani, raccontati con umanità. Convinta che scrivere sia un atto d’amore e responsabilità, ama divulgare il bello dell’Arte e del sociale, proponendo una narrazione alternativa sullo spaccato culturale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Condividi su:

Subscribe

spot_img

Popolari

Ti potrebbe piacere anche
Correlati

Domani in Sala Zuccari del Senato conferenza “L’innovazione del calcio dilettantistico”

Si terrà domani, giovedì 18 aprile, nella Sala Zuccari...

Esordio letterario per Matteo Paolillo con il romanzo distopico “2045”

Cosa succederebbe se la tecnologia prendesse il sopravvento sulle...

Napoli e Provincia: truffe agli anziani, continua la campagna di sensibilizzazione dei carabinieri per contrastare il fenomeno

Continua la campagna di sensibilizzazione dei carabinieri del Comando...

Napoli, paura nella notte: in fiamme un’auto

Questa notte i carabinieri della Pmz Centro e del...