Appiccià

Data:

L’accensione per autocombustione o pirotecnica, a Napoli e soprattutto l’ultimo dell’anno.

Ho una relazione piuttosto vivace con il fuoco e le sue declinazioni, non solo linguistiche.

Nella mia lingua è anche correlato al litigio, è qualcosa anche molto simile al litigare stesso, che sarebbe “appiccicarse” che in italiano sembra anche somigliante assai con lo stare incollati, troppo prossimi per non tentare di distogliersi. E così è con il fuoco, la cui vicinanza non può che far incendiare, accendere.

La fine dell’anno coincide quasi con il periodo più freddo ed è ovunque pieno di tradizioni anche moderni che ricalcano riti arcaici con il tentativo di riavvicinare il sole, il calore alla terra. Il periodo più buio e più freddo è quello avvicina al nuovo, che lo fa diventare realtà con l’anno che inizia e che per annunciarlo chiede di farsi notare, in qualche modo. Chi è attento ai passaggi sa il significato che può avere un fuoco acceso, che brucia il vecchio e lasciando la cenere lascia luce, e calore che può permettere al nuovo di palesarsi, di farsi avanti. E coi fuochi d’artificio questo è più vero ancora, più eclatante; fin troppo.

Il bisogno di esistere nel pieno del cambio d’anno diventa non solo annunciato ma prepotente, urlato, perfino ostentato nell’esplodere fuochi d’artificio. E nel consesso civile questa pratica è finanche molesta, oltre che mal tollerata dalla maggioranza che però giace alla volontà di pochi, che però sono specializzati e rumorosi, assai. E spendono e quasi gareggiano ad esplodere di più, e meglio e ancora in maggior modo rispetto ad un’altra occasione o ricorrenza in cui qualcosa da urlare c’era già stata, fosse stata necessaria. Che si fosse trattato di un compleanno, di una nascita, di un matrimonio o di uno scudetto, una volta ancora l’occasione chiama a festeggiare e festeggiare significa farsi sentire, farsi notare, distinguersi ed ergersi anche se necessario calpestando il silenzio, il riposo, la quiete del prossimo. E come poter biasimare chi non ha nell’animo la stessa volontà, lo stesso desiderio di ergersi e sovrastare il suono, il clamore di un’altro essere umano che è nei paraggi? E’ così che si può finire per litigare, per buttare all’aria e al fumo la tranquillità e il raccoglimento per andare a fare a testate con la calma e la ragione, reclamando con il parente o il passante o il vicino. E’ così che si può finire che ci si appiccica, è anche così che il freddo e il buio può finire pe s’appiccià. 

Diritti Immagine su licenza CC BY-SA 4.0 DEED

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Condividi su:

Subscribe

spot_img

Popolari

Ti potrebbe piacere anche
Correlati

Gettata dal cavalcavia dal compagno, così finisce la vita di Giada Zanola

Aveva 34 anni ed inizialmente è stata accusata di...

Nuovo Rinascimento a Casoria a partire dalla cultura, ne parliamo con l’assessore Vincenzo Russo

Sport, progetti culturali e giovanili. Negli ultimi due anni...

Calenda in ‘Azione’ per un’Europa che diventa grande potenza

Una lista costituita da tecnici competenti nelle materie in...

Riforma Magistratura approvata, ora giustizia più celere

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in soli 20...