A Berlino la conferenza per la ricostruzione dell’Ucraina: dall’Italia nuovo pacchetto di aiuti

Data:

È in corso a Berlino la conferenza per la ricostruzione dell’Ucraina, il principale evento dell’anno dedicato alla ripresa di un Paese martoriato dalla guerra scoppiata con l’invasione russa. La sessione inaugurale si sta svolgendo alla presenza del cancelliere tedesco Olaf Scholz e del presidente ucraino Zelensky.

La conferenza di Berlino è la prima dedicata all’Ucraina a svolgersi in uno stato membro dopo quelle di Lugano nel 2022 e di Londra nel 2023e, nel 2025, invece, toccherà all’Italia ospitare l’importante evento.

La kermesse vede la partecipazione di capi di Stato e di Governo di 77 Paesi per un totale di 1800 persone e la presenza di 500 aziende tra cui, per l’Italia, Ferrovie dello Stato Spa, Mer Mec Spa, One Works Foundation, Fae Group SpA, Maschio Gaspardo SpA, Webuild, 3TI Progetti, RINA Consulting, Seingim, Ferplast, InBlu, Origin, Serin Lis, Renovua SpA, e Sisea Srl.

Obiettivo principale è quello di fornire sostegno internazionale per la ripresa e la modernizzazione del paese e fornire la giusta assistenza per gli importanti progetti di recupero e investimenti in Ucraina.

I contributi che l’Italia devolverà per la ricostruzione dell’Ucraina ammontano a 2 miliardi e 146,5 milioni di euro di cui 110 milioni per il sostegno al bilancio generale del Governo ucraino, 200 di prestito a tassi agevolati al governo, 120 al Fondo per il sostegno alle imprese colpite dalla crisi Ucraina (DL 50/2022), 100 nell’ambito del progetto BERS Ukrhydroenergo per il ripristino della capacità elettrica, 100 di garanzie per il Fondo BEI “UE per l’Ucraina”, 93 per la risposta umanitaria.

Il cancelliere tedesco ha lanciato un appello agli alleati, chiedendo loro uno sforzo per “rinforzare le difese aeree di Kiev”. Appello che trova d’accordo anche Zelensky secondo cui “La difesa aerea è la risposta a tutto, bisogna privare Mosca dei vantaggi che ha dall’alto.”

Le parole del ministro degli Esteri Antonio Tajani

Presente ovviamente il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani che nel corso del suo intervento ha affermato: “Si tratta di 140 milioni di euro per iniziative sulle infrastrutture, sulla salute, sul settore umanitario, sull’agricoltura, sullo sminamento”. Il nostro paese, inoltre, stanzierà 45 milioni di euro per la ricostruzione della Cattedrale della Trasfigurazione di Odessa, “una città checome afferma Tajani“-sentiamo italiana”.

Nella giornata di oggi, dunque, verrà siglato il memorandum di cooperazione.

Chiara Imbimbo
Chiara Imbimbo
Laureata in Filologia Moderna alle Federico II di Napoli con una tesi in critica letteraria. Iscritta all’albo dei giornalisti come pubblicista coltiva la passione per il cinema, la lettura e la scrittura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Condividi su:

Subscribe

spot_img

Popolari

Ti potrebbe piacere anche
Correlati

Roberto Baggio aggredito e rapinato

Partita degli Europei sfortunata per un divo del calcio....

Il tribunale civile di Milano introduce un galateo per gli avvocati

Regole di comportamento e buon costume al tribunale civile...

Roma suona sulle note della Festa della musica 2024

Dalla classica al jazz, dal pop ai madrigali del Cinquecento,...

Autonomia, Silvestro: “Non deve spaventare, FI ha ottenuto garanzie su Lep Roma”

“Non bisogna farsi spaventare dalla parola Autonomia, soprattutto perché...